Bandiere Bianche

“Bandiere Bianche” conveys the message to never give up and fight for victory, independently of age, gender and lifestyle. The battle ignites against the real and inner monsters, flaunting the personal identity and power, which are not considered weaknesses but our characterizing strengths. This is a song against opportunism and a hymn of justice to give voice to all diversities, regaining possession of your identify and then show it with strength and pride.


Chiusa in una stanza a due mesi di distanza,

ripenso a un’amicizia che non vale la mancanza.

Senza coerenza in nostra circostanza,

hai dimostrato in lutto la tua naturale essenza.

Vola la speranza di possibile sentenza,

la verità colpisce tua sublime indifferenza

e la tua presenza con mancanza di coscienza,

che darà alla luce la tua piena irriverenza.

 

Tengo i mostri nel cassetto

per paura di un attacco.

Tu che dici lascia andare,

dimmi come posso fare.

La tua immagine al cospetto

in sembianza di uno spettro,

io che sento di annegare,

tu che salpi verso il mare.

 

Dimmi come posso fare se mi sento di annegare.

Tu non prendi le mie mani e mi lasci in fondo al mare.

Senti suonan’ le sirene, scorre il sangue nelle vene,

tu che dici mi vuoi bene mentre sfoggio le bandiere

bianche, bianche, bandiere bianche.

 

Formo in partenza la tale sussistenza

quindi ascolta bene per futura discordanza.

Disapprovo la prestanza seppur in maggioranza,

la compagnia scelta con causale di finanza.

Disprezzo l’importanza data dall’istanza

della solitudine che batte con potenza,

dove per mancanza di vera alleanza

sceglie le amicizie con assenza di sostanza.

 

Tengo i mostri nel cassetto

per paura di un attacco.

Tu che dici lascia andare,

dimmi come posso fare.

La tua immagine al cospetto

in sembianza di uno spettro,

io che sento di annegare,

tu che salpi verso il mare.

 

Dimmi come posso fare se mi sento in fondo al mare,

tu che guardi da lontano e che cerchi di tornare.

In tempesta di bufere, che fronteggian’ queste sere,

io ti dico non conviene mentre sfoggio le bandiere

bianche, bianche, bandiere bianche.

 

Data la mia essenza con tanto d’importanza,

butto via le chiavi e concludo questa danza.

 

Fuori i mostri dal cassetto

Sono pronti per l’attacco.

Tu dicevi lascia andare,

ora guardali lottare.

La tua immagine è uno specchio,

in frammento ogni pezzo.

Io che sento di volare,

tu che scappi verso il mare.

 

Ora si lo posso fare, lascio tutto in fondo al mare.

Sì, risalgo in superficie e riprendo a respirare.

Silenziose le sirene, si riscaldan’ queste sere,

io che ancora voglio bene mentre brucio le bandiere

bianche, bianche, bandiere bianche.

FOLLOW ME

You might also enjoy

SHARE THIS SONG

GET IN TOUCH

Dreamoon-logo-B

© 2024 all rights reserved – P.I. 02566280463 – Privacy Policy – Cookie Policy – Credits MoltoChic Marketing&C